Chiarezza tecnica e politica sul Punto nascita dell’Ospedale di Latisana

La situazione politico-strategica e tecnico-aziendale dell’Ospedale di Latisana stanno precipitando. Occorre fare immediatamente chiarezza sia sulle scelte aziendali della Direzione dell’Ospedale e dell’ASS2, sia da un punto di vista “strategico”. Continuare in questo modo, senza una scelta politica di fondo forte e chiara e senza la capacità o la possibilità di dar seguito alle scelte politiche con congruenti azioni tecnico-amministrative può solo comportare, con il passare dei giorni, una caduta del rapporto tra cittadini e Giunta regionale e, dall’altro, un contrasto tra la posizione del PD locale e quello regionale sulla questione del Punto nascita e dell’Ospedale.

Come Circolo PD di Latisana-Ronchis, insieme con gli amministratori, i Sindaci che fanno riferimento all’area di centro sinistra e i Circoli della Bassa Occidentale, abbiamo difeso in ogni modo il ruolo dell’Ospedale, in tutte le sedi istituzionali e in tutti i modi che c’erano possibili, evitando alle forze politiche di centro destra di intestarsi una battaglia su una questione che è anche imputabile a loro. Abbiamo sottoscritto, insieme con gli altri gruppi consiliari, un esposto a tutela del Punto nascita di Latisana inviato al Prefetto, affinché siano valutati i presupposti di sicurezza per garantire alla popolazione quanto individuato dal Piano di Emergenza/urgenza editato dalla Regione FVG.

Diamo atto di quanto la Giunta e l’Assessore alla Sanità hanno fatto in merito al potenziamento di alcune strutture, reparti e interventi sull’Ospedale di Latisana e di cui occorre sottolineare i risultati importanti da questo punto di vista: la nuova dialisi, le prospettive sull’elicottero notturno, l’auto medica e altro. A questo punto, però, dobbiamo anche chiedere conto alla Politica Regionale di arrivare a fare chiarezza subito sul Punto Nascite.

In primo luogo, la lettera che invitava le mamme a rivolgersi subito all’Ospedale di Palmanova è un’iniziativa grave, che contrasta con quanto la Giunta e il Consiglio stessi avevano garantito, ossia di prendere ancora tempo per valutare la migliore decisione possibile in merito al Punto nascita di Latisana. Occorre subito capire chi e come ha voluto utilizzare quella lettera e perché. In secondo luogo, la vicenda del Decreto di sospensione dell’attività del Punto nascita firmato dal Direttore generale e poi a sua volta sospeso sottolinea, dal nostro punto di vista, un cortocircuito tra le decisioni aziendali e quelle della politica. Se ci sono delle responsabilità tecnico-amministrative, vanno immediatamente individuate, chiarite ed eventualmente sanzionate.

Infine, noi affermiamo che il Punto nascita di Latisana e la Pediatria h24 debbano essere mantenute a Latisana. Non ci deve essere una sospensione del servizio sino al momento in cui il Consiglio e la Giunta del FVG decideranno sul Punto nascita stesso. Non ci convincono del tutto le argomentazioni di tipo tecnico o tanto meno sulla gestione del personale dell’AAS 2. A questo punto, visto anche che in un clima politico del genere sarebbe oltremodo difficile portare la bandiera del PD a livello locale alle prossime elezioni, dobbiamo chiedere con forza che si riveda la decisione politico-strategica dalla base, puntando su un Ospedale con tutte le risorse necessarie ad avere il servizio di Pediatria h24, oltre al Punto nascita stesso e questo perché, anche da un punto di vista “tecnico” e di equità territoriale, lasciare scoperto questo territorio è un errore di visione strategica e quindi politica. Per questo facciamo appello al Consiglio e ai Consiglieri regionali, oltre alla Giunta, per riaprire al più presto il dibattito sul Punto nascita di Latisana, per arrivare a una soluzione definitiva che non lasci scoperto di un servizio essenziale il nostro territorio che ha ben note caratteristiche e necessità.

Comunicato Circolo PD di Latisana-Ronchis e gruppo consiliare Centro sinistra per Latisana

Pubblicato in Blog